home
pittura fonetica
museo mosaico

Il battito del cuore d'Ucraina 

alla Factory Museo Warhol/Battaglia di Xante Battaglia a Milano via Lorenteggio 238/A dal 22 marzo 2014

 

 factory museo seconda stanza
elica                    soffio
porta girevole           copertone
indipendenza             pescatore
acceca               bomba
clistere              colpa e paura
festa             vortice
favole                mosaico
gesto              albero forte


 

elica elezioni ehi tu!
la differenza tra un filo d'erba e un tronco un soffio

 

la vita un va e vieni

 una porta girevole

il destino rotondo e rotola

 

sobbalzo

 

indipendenza dalla violenza cos la violenza una lenza che tira il pescatore nell'acqua

il pesce che ha l'iniziativa
e la vita ancora viva
per l'equilibrio non per l'onnipopopotenza

 

L'ira acceca la folla non il cecchino la bomba ti fa sentire cos in alto che non distingui pi l'altro colpisci alla nuca ed annienti il convoglio tuo amico carcasse bruciate dal fuoco

sarebbe troppo bello fratello distinguere facilmente il nemico
l'umanit tale vasta prateria d'erba secca che sbagli se pensi che pasti potenza di fuoco infatti poco dopo tutto un incendio

 

dal fiore nell'elmetto al fiore nel vaso da notte            chiediamo al s l'illuminazione chi il fiore e chi lo stronzo                     un clistere al potere           aiutiamo a spingere ho colpe ma non ho colpa
ho paure ma non ho paura
siamo in bilico
ma splendido

 

la giustizia una festa avvolti in un vortice vivo

 

pi convincenti le favole ci arriva dalla deriva del tempo quest'altra meraviglia
l'albero mosaico della vita
eccolo disteso lungo il pavimento
alzarsi per tutta la distesa della navata fino sotto la volta del cielo

dove per vediamo Adamo delle nostre radici con il marcio di Caino ed il sangue di Abele come pioggia e cos rotoliamo all'inizio nella foresta d'alberi della tentazione
del fogliame per nasconderci
dell'albero del giudizio del legname per costruire l'arca del tronco della redenzione a ruotare nel rosone del sole con la vegetazione delle stagioni che insinua i suoi rami tra le gambe dei mesi nei loro cerchioni appesi come foglia tra le gambe degli umani per soddisfare le loro voglie di procreazione come Abramo Isacco Giacobbe nel giardino degli eterni germogli

 

il gesto giusto la vita un albero forte con rami e frutti ma discernere tra il male e il bene quello che ci si deve aspettare da tutti